Love is the question 14.02 [<3 ?]

valentine_2014Il mio poco amore per la cosiddetta festa degli innamorati è noto a molti. Niente contro il concetto di amore, sia ben chiaro, chi ha seguito la campagna Love Happens e In the mood for Love, questo lo sa bene.

A ridosso di questa data, ne approfittiamo, come sempre, per fare alcune riflessioni semiserie sull’amore! Riprendendo una vecchia canzone di John Lennon che affermava “love is the answer mi è sembrato opportuno titolare la campagna di questo 2014 “love is the question” a totale libera interpretazione, fatto sta che l’amore è la domanda, la risposta siete voi, è dentro di voi ed è… Quelo lo sa com’è!

Ironia a parte buon <3 a tutti, senza ombra di ?

La collezione di quest’anno è sempre in Lana d’Abruzzo naturale e non tinta, più morbida che mai. Ho pensato di inserire delle pochette di uso quotidiano rifinite nei dettagli, ricamate a mano, foderate e chiuse con la zip in modo che si possano usare sia come minibag da mano sia come pochette portaoggetti da inserire in borsa. Il ricamo della mini bag “love is the question” è dato da un cuore (che sta per “love”) e da un punto interrogativo crochet che sta per “question”. pochette

pochette

Non poteva mancare il cuore 3D in lana d’abruzzo, questa volta reinventato su una molletta di legno che funge anche da magnete, così che si possa utilizzare per chiudere sacchetti ma anche per appendere foto o biglietti al frigo ;) Il messaggio in questo caso è chiaro: “pin your love“!

pin pin

Sempre riflettendo sul concetto di amore, è nato il braccialetto “love is a chain“. La catena in metallo indica la forza del legame e la catena in lana indica che un legame per essere solido deve avere un risvolto di tenerezza.

bracelet

bracelet

Infine per tornare John Lennon e alla sua Mind Games:

“I want you to make love, not war.

I know you’ve heard it before”

Per sfogliare il catalogo clicca qui, per gli acquisti vai su blomming o su alittlemarket.

Winter-Style-Essentials, Driving Gloves

drivingAvete presente quel mondo di papillon, di eleganza infinita, di uomini chiamati Cary Grant, di bionde di nome Grace? Quello era il mondo degli accessori tanto inutili quanto indispensabili. Era il mondo dei “driving gloves”, mini-guanti da guida.

Ispirata a quel mondo è la nuova creazione Yorokobiness. Interamente realizzati “crochet” in lana d’Abruzzo tipo “merletto”, i driving gloves Yorokobiness sono rigorosamente bianchi con un piccolo particolare colorato, nero ovviamente! Si tratta di un semino in plastica lucida dal sapore anni ’70 (il semino è disponibile anche in rosso, bianco, senape).

IMG_5833_2 copia

Eh sì, vengono totalmente dal passato questi mini-guanti da guida. Mi piace pensare che arrivino direttamente dall’inverno del 1953, per questo indossati oggi sono decisamente unici.

IMG_5848_1 IMG_5847_1

Pensati per essere indossati per un outfit da tutto il giorno, da abbinare ad una mise total black o ad un look più casual, si possono portare, anzi si raccomanda di indossarli anche al chiuso, ad una festa, in ufficio e… alla guida naturalmente! Sono morbidissimi e scaldano le mani come solo la lana 100% sa fare.

IMG_5837_1

To-Catch-a-Thief_Grace-Kelly-Cary-Grant

Ringraziamo Alfred per l’ispirazione e Roberta per la straordinaria materia prima!

In vendita su Blomming, Etsy e (NOVITA’) aLittleMarket

1 year, 12 pics

A settembre si ricomincia.

A settembre, più che a gennaio pensi che qualcosa possa cambiare, che finalmente potrai iscriverti a quel corso, che completerai quel lavoro a maglia, che smetterai di fumare, che finalmente imparerai la ricetta delle sfogliatelle, che c’è una possibilità che per l’inverno indosserai un cappello di lana fatto da te, che sì, quest’anno partirai più spesso nei week end, che ti regalerai una cena in uno stellato, che metterai più spesso la gonna, che cambierai profumo, che andrai più spesso a teatro o al cinema, che quest’anno un paio di Repetto te le meriti, che leggerai finalmente i Buddenbrooks, libro che la tua prof del liceo ti aveva consigliato oltre 10 anni fa (e la lista potrebbe andare avanti…)

A settembre è il tempo di riempire il proprio dreambox, a settembre “persino le ombre rilucono di promesse”, citando J. Conrad.

Portarsi dentro un senso di gratitudine per l’anno appena passato (un anno unico, comunque sia andato) rende molto meno difficile affrontare il nuovo. Del mio anno ho scelto 12 scatti che vi regalo in questo post a puro titolo di ispirazione. E l’ispirazione in ambito dreambox conta almeno per il 90%.

E il vostro dreambox? Cosa contiene?

Image

Burger House | Munich, Germany

Image

Asolo (TV), Italy

Image

Verona, Italy

Image

Little Bow Tie and Me

Image

Mini Bow Tie

Image

Heart Crochet | lana d’Abruzzo

Image

Sidone, Lebanon

Image

Albi, France

Image

Paris, France

Image

Rio de Janeiro, Brasil

Image

Rio de Janeiro, Brasil

Image

Piana del Voltigno, Abruzzo, Italy

Colletto retrò burro, marmellata e bistrò

Se i colletti vintage sono stati ispirati da una giornata di vacanza in campagna con gli amici  in un angolo di Abruzzo che sembrava si fosse fermato a 50 anni fa… i “colletti retrò” di questo post sono ispirati a Parigi, non una qualunque Parigi, una Parigi di primavera, che fai una passeggiata e vai a mangiare la carrot cake da Rose Bakery, avete presente?

A differenza di quelli “stile vintage” presentati nell’ultimo post, quelli retrò sono molto più bonton e aggraziati dalla forma a merletto, non so, sarà il burro e la marmellata, sarà l’influenza dei bistrò… ma sono venuti fuori così!

colletto lilla e bianco

verde salvia e bianco

Sono realizzati all’uncinetto con la fettuccia in cotone, chiusi da un semino di plastica anni ’70. Li ho provati su una semplice t-shirt bianca e mi sono piaciuti un bel po’. Sono adatti anche da indossare su un abito intero o su un top a fascia per l’estate, su una camicetta leggera o sotto una giacca…

indossato su un top a fascia

Voi che ne pensate? Siete più vintage o retrò? Più 50year-old-angolo-di-campagna-d’Abruzzo o più giretto da Rose Bakery a Parigi? Dura la scelta lo so…

Ps. Tutti i colori disponibili li trovate cliccando qui.

Come nasce un colletto vintage

Perché una giornata di vacanza riesca bene ci sono un paio di cose che non possono mancare, IMHO: il sole (se la giornata si svolge all’aperto), dei buoni amici, cibo e vino, un cane e un gatto, l’hulahoop, l’uncinetto.

hulahoop

In tale contesto di vacanza e di patio di un piccolo paese in Abruzzo circondato da case di 50 anni fa, nascono anche delle belle idee, che spesso rispecchiano l’atmosfera che si respira. A Popoli sono nati, per esempio, dei colletti molto vintage ;)

Popoli (Pe) Abruzzo

Popoli (Pe) Abruzzo

Prima di presentarvi i colletti venuti fuori dalla giornata, vi presento due giovani seguaci dell’arte del crochet, F e M, tanto per sottolineare quanto il crochet sia contagioso.

F e M, la prima esperienza crochet

F e M, la prima esperienza crochet

Fettuccia in cotone, colori anni 50 e catena color oro antico, chiusura con bottone-semino in plastica anni 70. Oggetto attuale, che arriva tutto dal passato, anche per lo stile indie-bon-ton che trasmette.

colletto vintage bianco, nero, beige

colletto vintage bianco, nero, beige

colletti e bracciale

colletti e bracciale

Trovate i colletti, i braccialetti e gli anelli in vendita qui. Sono stati presentati in anteprima a LaDesigneria, un locale che merita decisamente la visita ;)

colletti vintage collection

colletti vintage collection

IMG_4639

In the mood for love

Chi segue Yorokobiness da un po’ lo sa… San Valentino non è una ricorrenza cui sono affezionata. No, direi proprio di no. Ma arriva sempre ogni anno, non c’è niente da fare. Quindi perché non approfittarne per fare un po’ di riflessioni? Non sarò io a suggerire spunti su cui soffermarsi a riflettere ma posso mostrarvi cosa è venuto fuori dalle miei pensieri legati al tema Amore.

Ora la domanda è: quando siete in libreria e vi interessa un libro, prima di acquistarlo, leggete la trama? se si continuate a leggere, se no cliccate subito qui sotto per sfogliare e “ascoltare” il catalogo :)

Image

In principio era il film In the mood for love. Poi è nato un breve catalogo da guardare e da ascoltare. Ogni item Yorokobiness presente nel catalogo ha il titolo di una canzone. Ogni canzone descrive un aspetto diverso dell’amore. Le tracce sono quattro e spaziano da un amore che forse nasce forse no (Little Bit, Lykke Li) un amore finito – forse – (ma a proposito finiscono mai del tutto? Chained, The xx), un amore raccontato dalla voce disperata ed elegante di Billie Holiday (Embraceable You, George Gershwin); infine un amore che andrà lontano, cantato dalla voce di Giorgio Gaber (Non Arrossire, Giorgio Gaber).

Naturalmente le ‘creazioni’ Yorokobiness raccontano le canzoni e viceversa, per esempio il Polipo è abbinato a “Embraceable You”, perché un polipo fa venire in mente una cosa sola, l’abbraccio!

Gli item sono tutti in Lana d’Abruzzo (perché se si parla d’amore le materie prime sono importanti <3) a parte il bow-tie che è in cotone 100%.

Buon San Valentino allora! Soprattutto ai non innamorati, quelli sì che pensano all’amore!

Image

A Cup of Tea with…

08

A Cup of Tea with…

Un blog vivace, sempre aggiornato, scritto con passione da Angiolina e Audry. E’ il Tea Bag Journal. Ha recentemente ospitato un’intervista a Roberta Castiglione, che ringrazio ancora una volta per aver parlato di me e di Yorokobiness! Ma la ringrazio soprattutto per aver ispirato i miei ultimi due anni di creatività, la ringrazio per aver creduto in un progetto un po’ folle che è la riscoperta della Lana d’Abruzzo, la ringrazio anche a nome di tante altre per la passione sincera, il tempo e le idee che condivide con noi ogni giorno su SocialCrochet e SocialKnitting.

<3

yorokobiness:

<3 ginger

Originally posted on Mikey's In My Kitchen:

If you are looking for a recipe to fill your house with the scent of the Holiday’s, this is it!

I began this recipe assuming I had ground ginger…I did not.  So I ended up using fresh ginger and it was the best substitution I’ve ever made.  I also didn’t have orange extract either so I used lemon zest and fresh orange juice.

I come from a long line of crazy Christmas ladies and I can’t let the lineage stop with me.  Therefore I am always blasting Christmas music, lighting Christmas candles and adding decorations wherever they will fit in my apartment (including our white tree that my in-laws are appalled by).  I want to eat, drink and bake all things seasonal and spiced, spreading cheer wherever I go.  Mikey is a great sport and although he will never understand my obsession with Christmas, he supports my craziness and even…

View original 442 more words